Rifugio Grassi

Rita's picture
Rita
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
7/02/2010
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
600 m
Quota di arrivo: 
1 987 m
Dislivello: 
1 440 m
Tempo di salita o complessivo*: 
4h30'
Tempo di discesa: 
3h00'

Introduzione

L’escursione invernale al rifugio Grassi è generalmente praticata per la Val Biandino, a cui si accede attraverso una lunga strada agro-silvo-pastorale che diparte da Introbio (m 587) in Valsassina.
In estate è possibile accorciare il percorso portandosi con l’auto fino al parcheggio posto a sinistra appena prima di attraversare il primo ponte sul torrente Troggia, 150 m di dislivello più in alto. In inverno è necessario salire a piedi o con un fuoristrada.

Descrizione

La salita avviene in una stretta valle dapprima sul lato destro idrografico del torrente fino al ponte suddetto, dove nei pressi di una sbarra si prende un sentiero sulla destra che taglia alcuni tornanti. Dopo dieci minuti circa si ritrova la strada e appena dopo una fontana. Poco più avanti si incontra nuovamente un ponte che riporta sulla sinistra del torrente. Si supera un agriturismo e più avanti una costruzione dedicata al capitano Pietro Magni.
La strada si fa un po’ più ripida e dopo qualche tornante raggiunge la Bocca di Biandino (1493 m).
Finalmente la stretta valle, percorsa interamente in ombra, fa posto a un magnifico pianoro contornato da monti innevati: siamo nella Val Biandino. A sinistra è posto il rifugio Tavecchia (1496 m), a destra il rifugio Bocca di Biandino, di fronte le tracce sulla neve proseguono dritte per il rifugio Madonna della Neve e per il rifugio Santa Rita.
Di fronte al rifugio Tavecchia, nei pressi di un ponticello di legno che attraversa il torrente Troggia, si trovano le indicazioni per il rifugio Grassi.
Ora il sentiero si inerpica serpeggiante e ripido dentro un bosco di larici, da cui esce a quota 1688 presso la casa alpina Pio X. Qui il pendio si fa più dolce ed è possibile osservare buona parte del sentiero di salita che, più o meno ripidamente, prosegue in direzione sud est fino al Passo di Camisolo (2040 m). Poco prima si comincia a intravvedere la punta del Pizzo Tre Signori, incontrastato re della zona.
Giunti al Passo si è ormai in vista del rifugio, posto poco più sotto (1987 m) in un ambiente suggestivo e di grande effetto.
Il rifugio Grassi è gestito da una giovane coppia (Anna e Peter Bortoletto) ed è noto per la grande ospitalità dei rifugisti nonché per la cucina genuina ed appetitosa.
Per la discesa utilizzare il percorso di salita.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Galleria fotografica

Rifugio Grassi: ci siamo stati!

Introbio: relazioni itinerari

  • Monte Sodadura e Cima di Piazzo

    12/01/2013
    Rita's picture
    Rita
  • Lago di Sasso

    30/10/2012
    benedetto's picture
    benedetto
  • Pizzo dei tre Signori, Via del Caminetto

    9/06/2012
    benedetto's picture
    benedetto
  • Rifugio Grassi

    7/02/2010
    Rita's picture
    Rita
  • Rifugio Santa Rita

    benedetto's picture
    benedetto
  • Rifugio Grassi

    benedetto's picture
    benedetto
  • Cima di Piazzo

    benedetto's picture
    benedetto

Introbio: per saperne di più...