Rifugio Fratelli Calvi

Lazza's picture
Lazza
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
1 220 m
Quota di arrivo: 
2 006 m
Dislivello: 
784 m
Lunghezza*: 
15.00 km
Tempo di salita o complessivo*: 
3h00'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Escursione in alta Val Brembana che ci porta attraverso la facile strada dell'Enel alla diga del lago di Fragabolgia e quindi proseguendo al vicino Rifugio Calvi. Pericoli oggettivi non ce ne sono, infatti il sentiero è sempre molto ampio e non presenta alcuna difficoltà tecnica, bisogna però considerare il dislivello complessivo e la lunghezza (andata e ritorno sono quasi 15Km) che richiedono un minimo di allenamento. Viste le dimensioni della strada, il rifugio Fratelli Calvi è raggiungibile anche d'inverno, ma naturalmente si dovrà adeguare la propria attrezzatura (ghette-racchette e bastoncini) e verificare le condizioni di innevamento.

Descrizione

Lasciata la macchina al tornante lungo la strada si prende il sentiero (è una strada in cemento) sulla destra. La strada con buona pendenza raggiunge dopo poco l'abitato di Pagliari (1314m) e prosegue tenendo la sinistra della valle. Si prosegue lasciandosi alle spalle le case in pietra e si incontrano le cascate della Val Sambuzza. Io ho fatto questa escursione il 26 Aprile e ho incontrato ancora neve lungo il sentiero, infatti da qua in poi la strada è diventata bianca. Con percorso più dolce si prosegue fino al Lago del Prato (1654m) adagiato in questo pianoro. Si prosegue lungo il ponte sul torrente e si prende la strada in salita che lascia il lago sulla destra, si continua fino alla baita Costa della Mersa, la fatica inizia a sentirsi (soprattutto con la neve e senza ciaspole) ma certi panorami ripagano. Finalmente si inizia a vedere in lontananza la diga. Arrivati al suo cospetto si sale verso la casa dei guardiani sulla sinistra e successivamente lungo la scalinata che porta alla sommità della diga. Da qua è possibile godere di uno stupendo panorama sul lago di Fragabolgia, sulla valle alta e di tutte le cime che la circondano. La meta non si vede ancora ma manca poco, infatti tenendo il lago alla nostra destra si prosegue con percorso quasi pianeggiante ed in poco tempo si è arrivati al Rifugio Calvi (2006m). Nonostante sia fine Aprile di neve ce n'è ancora tanta ed il guardiano del rifugio vigila ancora. Dalla terrazza è possibile ammirare il bel panorama circostante. Ormai è già primo pomeriggio, è ora di tornare ed il sole scalda che sembra luglio.
Il percorso di discesa ricalca interamente quello dell'andata, penso comunque che sia possibile una variante, sentiero [247], ma a causa delle condizioni di innevamento ho dovuto percorrere il sentiero finora descritto. Lungo la strada si incontrano altri sentieri: nella bella frazione di Pagliari (1315 m) sulla destra parte il sentiero [247] (cosiddetto sentiero estivo), più avanti in località Dosso inizia il sentiero [209] che porta in Val Sambuzza; in località Lago del Prato si incontra il sentiero [224] che porta al Rifugio Longo ed il sentiero [208] delle Orobie Occidentali proveniente da Foppolo.

Maggiori informazioni si hanno su www.caibergamo.it

Autore

  • Consulta tutte le relazioni di escursionismo con racchette da neve di Matteo Lazzati
  • Consulta la pagina di [[Matteo Lazzati]]

Bibliografia

  • ALPI OROBIE CENTRO OCCIDENTALI zone 1/2

Cartografia

  • carta dei sentieri e dei rifugi del CAI BERGAMO - Commissione Sentieri